• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/01578 MININNO, ANGRISANI, CASTIELLO, DI MICCO, DONNO, GALLICCHIO, GAUDIANO, MORRA, ORTIS, ROMANO, TURCO - Ai Ministri della difesa, dell'interno, dell'economia e delle finanze e della giustizia. -...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-01578 presentata da CATALDO MININNO
martedì 16 aprile 2019, seduta n.108

MININNO, ANGRISANI, CASTIELLO, DI MICCO, DONNO, GALLICCHIO, GAUDIANO, MORRA, ORTIS, ROMANO, TURCO - Ai Ministri della difesa, dell'interno, dell'economia e delle finanze e della giustizia. - Premesso che:

ai sensi dell'articolo 878 del Codice dell'ordinamento militare (C.o.m.), di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, i volontari in ferma prefissata delle Forze armate sono militari in servizio temporaneo e, come tali, non sono legati a rapporto di impiego, ma solo a rapporto di servizio per la durata della loro ferma;

ai sensi del comma 1 dell'articolo 954 del C.o.m., i volontari in ferma prefissata di un anno possono essere ammessi, a domanda, a due successivi periodi di rafferma, ciascuno della durata di un anno;

ai sensi dell'articolo 700, possono partecipare ai concorsi per il reclutamento dei volontari in ferma quadriennale i volontari in ferma prefissata di un anno, ovvero in rafferma annuale, in servizio o in congedo;

ai sensi del comma 2 dell'articolo 954, i volontari in ferma prefissata quadriennale possono essere ammessi, a domanda, a due successivi periodi di rafferma, ciascuno della durata di due anni;

ne consegue che un volontario in ferma prefissata può svolgere servizio (a tempo determinato) per un totale di undici anni, anche continuativi;

ai sensi dell'articolo 704, al termine della ferma prefissata quadriennale ovvero di ciascun anno delle rafferme biennali, i volontari giudicati idonei e utilmente collocati in graduatoria sono immessi nei ruoli dei volontari in servizio permanente delle Forze armate;

il numero di posti per l'immissione nel ruolo dei volontari in servizio permanente non è sufficiente a garantire l'accesso a tutti i volontari in ferma prefissata che ne fanno richiesta;

l'articolo 703 prevede riserve di posti nelle carriere iniziali delle Forze di polizia e nel Corpo nazionale dei vigili del fuoco, in favore dei volontari in ferma prefissata, così determinate: 70 per cento per l'Arma dei carabinieri, 70 per cento per il Corpo della Guardia di finanza, 45 per cento per la Polizia di Stato, 60 per cento per il corpo di Polizia penitenziaria e 45 per cento per il Corpo nazionale dei Vigili del fuoco;

la ratio dell'istituto della riserva di posti si fonda sulla valenza sociale che il legislatore, a seguito della trasformazione dello strumento militare in professionale, ha inteso riconoscere a coloro i quali offrono il proprio servizio, svolgendo incarichi operativi in favore dello Stato e della società durante il periodo della ferma, nell'ottica di fornire maggiori garanzie di stabilizzazione;

le citate riserve di posti non operano tuttavia nei confronti dei volontari in rafferma biennale e di quelli in congedo;

il comma 2, dell'art. 1 della legge 1° dicembre 2018, n. 132, conferisce delega al Governo ad adottare, entro il 30 settembre 2019, uno o più decreti legislativi recanti disposizioni integrative in materia di riordino dei ruoli e delle carriere del personale delle Forze armate, nonché correttive del decreto legislativo 29 maggio 2017, n. 94,

si chiede di sapere:

se i Ministri in indirizzo, nell'esercizio della suddetta delega, nell'ottica di garantire maggiori possibilità di stabilizzazione per il personale in ferma prefissata, ritengano opportuno incrementare le percentuali di posti riservati, di cui al citato articolo 703;

se intendano inoltre, nell'esercizio della suddetta delega, estendere la riserva di posti anche ai volontari in rafferma biennale e ai volontari in ferma quadriennale in congedo, ossia a quel personale che, avendo assicurato un numero maggiore di anni di servizio, necessita di maggiori tutele.

(4-01578)