• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/00742 (5-00742)



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Mercoledì 17 ottobre 2018
nell'allegato al bollettino in Commissione XIII (Agricoltura)
5-00742

  Come noto, a conclusione di un lungo processo di analisi che ha coinvolto anche l'EFSA (European Food Safety Authority), la Commissione europea, con Regolamento (UE) n. 2324/2017, ha rinnovato l'approvazione del Glifosate fino al 15 dicembre 2022, con talune restrizioni per l'utilizzo dei prodotti fitosanitari a base di tale prodotto, in parte attuate dal 2016.
  Occorre comunque tener presente che, relativamente alla mortalità delle api registratasi negli ultimi 10-15 in alcuni Paesi dell'Europa occidentale (fra cui Francia, Belgio, Svizzera, Germania, Regno Unito, Paesi Bassi, Italia e Spagna) non è stata individuata un'unica causa, ma diversi fattori concomitanti, in combinazione fra loro tra cui, accanto all'insufficiente alimentazione, ai virus, agli attacchi di agenti patogeni e di altre specie invasive, anche l'uso di prodotti fitosanitari.
  Per quanto concerne questi ultimi, rilevo che il Ministero è in attesa delle indicazioni che saranno fornite dall'EFSA che sta predisponendo le nuove linee guida per la valutazione del rischio di tutti i prodotti fitosanitari proprio nei confronti delle api, comprensive di nuovi aspetti nella valutazione del pericolo, finora solo in parte considerati dalle linee guida vigenti fornite dall'EPPO – European and Mediterranean Plant Protection Organisation.
  Ricordo poi che, per l'applicazione delle buone pratiche in agricoltura, nell'ottobre 2017, su iniziative dell'Osservatorio nazionale del miele, sostenuta dal Ministero, è stata sottoscritta un'Intesa nazionale tra le Associazioni apistiche, quelle sementiere, le Associazioni ortofrutticole e le rappresentanze del modo agricolo.
  In tale contesto, presso il Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, è stato istituito un Tavolo tecnico, quale organismo operativo per la realizzazione delle attività previste, coordinato dall'Osservatorio Nazionale Miele e con la partecipazione del Servizio fitosanitario nazionale. Al riguardo evidenzio che, nel corso della riunione del 23 marzo scorso, sono state definite ed approvate le linee guida per la salvaguardia degli impollinatori, comprensive di una serie di attività da realizzare attraverso gli strumenti di intervento disponibili.
  Rilevo al riguardo che il Ministero, nella fase di definizione della nuova strategia nazionale da attuare attraverso gli strumenti che saranno messi a disposizione dalla Pac post 2020, intende avvalersi dei contributi del suddetto Tavolo, cui saranno chiamati a partecipare anche le rappresentanze del mondo ambientale.
  Riguardo agli effetti dei prodotti a base di glifosate sulle api rilevati dallo studio condotto negli USA dall'Università di Austin, assicuro l'interrogante che stiamo provvedendo ad acquisire le valutazioni dell'ISPRA per ulteriori approfondimenti e valutare, con le altre Amministrazioni competenti (Ministeri della salute e dell'ambiente), le eventuali successive azioni da intraprendere.