• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/01395 (5-01395)



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Mercoledì 27 marzo 2019
nell'allegato al bollettino in Commissione IV (Difesa)
5-01395

  Con riferimento alla richiesta manifestata nell'atto di «esplicitare l'intero iter procedurale che ha portato a nuove autorizzazioni di spesa a carico del Ministero della difesa», si rappresenta quanto segue.
  La Direzione degli Armamenti Aeronautici e della Aeronavigabilità (ARMAEREO) ha assicurato, a partire dal 2000 fino al 2007, a seguito di specifica richiesta dello Stato Maggiore dell'Esercito (SME), l'acquisizione di sistemi paracadute T10 C e del relativo supporto logistico, prodotti in esclusiva dalla Società Aero Sekur (ex Irvin Aerospace).
  Nel mese di giugno del 2017, lo SME ha manifestato l'esigenza di ammodernamento/ricostituzione delle capacità aviolancistiche del comparto forze convenzionali.
  In particolare, ha richiesto l'acquisizione di:
   un sistema pallone frenato omologato per il lancio di paracadutisti mediante fune di vincolo, con le relative attrezzature;
   n. 350 paracadute principale dorsale ad apertura automatica a velocità zero;
   n. 150 paracadute ventrale di riserva a velocità zero.

  L'acquisizione di tali forniture è avvenuta a seguito di gara a procedura ristretta con aggiudicazione a lotti separati indetta dalla citata Direzione ARMAEREO, ai sensi dell'articolo 17 del decreto legislativo 15 novembre 2011 n. 208, in combinato disposto con l'articolo 61 del decreto legislativo 18 aprile 2016 n. 50.
  La gara è stata, quindi, aggiudicata alla Zodiac Aerosafety Systems la cui offerta è stata valutata economicamente più vantaggiosa, in ragione dei requisiti e dei parametri di valutazione prefissati nel Capitolato Tecnico, da parte di una Commissione all'uopo nominata.
  Il contratto n. 860 del 28 dicembre 2017, di importo pari a 1.849.980,49 euro, è stato registrato dalla Corte dei conti con foglio n. 1/372 in data 27 febbraio 2018.
  In data 12 ottobre 2018, lo SME ha incaricato ARMAEREO per l'approvvigionamento di ulteriori sistemi di paracadute dello stesso tipo di quelli oggetto della commessa di cui al citato contratto n. 860.
  Successivamente, in data 29 ottobre 2018, lo stesso SME ha fornito ulteriori elementi a supporto dell'acquisizione di n. 350 paracadute principale (EPC P/N 304542) e n. 350 paracadute di riserva (P/N 304561) per l'Esercizio Finanziario 2018 evidenziando, in particolare, come la Brigata Folgore avesse recentemente disposto il blocco cautelativo dell'attività di lancio con il paracadute ad apertura comandata T10 C a seguito del ripetersi di una serie di inconvenienti tecnici: blocco che aveva causato la sospensione delle attività di aviolancio.
  Lo SME chiariva, altresì, che l'ulteriore approvvigionamento aveva lo scopo di garantire una comunalità logistica con i paracadute già in acquisizione e di prossima introduzione in servizio e certificazione, garantendo una capacità omogenea e completa sia per quanto riguarda i materiali da approvvigionare, sia per quanto riguarda il supporto logistico, l'addestramento e le procedure di utilizzo.
  Viste le predette esigenze dello Stato maggiore, la Direzione ARMAEREO, come motivato nella Determinazione a Contrarre del 7 novembre 2018, ha stipulato l'Ordinativo d'acquisto (Purchase Order) n. 2611FR con la ditta Safran Aerosafety Systems già Zodiac Aerosafety Systems per un valore di 2.374.155,00 euro.
  Tale Ordinativo è stato poi registrato dalla Corte dei conti in data 1o febbraio 2019.
  Con riferimento, invece, alle iniziative da avviare, «anche sulla base del contratto di fornitura siglato con il fornitore del T10-C che ha evidenziato i difetti sopra indicati», si rende noto che gli esiti di un'indagine interna hanno evidenziato come il malfunzionamento fosse da attribuirsi a cause di eccezionalità e casualità, eliminando ogni dubbio circa un ipotetico difetto di costruzione.
  Pertanto, non sono state rilevate violazioni delle clausole contrattuali.
  Per completezza d'informazione, infine, si rende noto che l'attività aviolancistica con paracadute T10 C è stata regolarmente autorizzata, in data 18 febbraio 2019, con la revoca della sospensione dall'impiego.