• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/01742 (5-01742)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-01742presentato daBUSINAROLO Francescatesto diVenerdì 22 marzo 2019, seduta n. 147

   BUSINAROLO. — Al Ministro della difesa. — Per sapere – premesso che:

   da recenti notizie di stampa (L'Arena del 4 marzo 2019) si apprende della chiusura, disposta nel mese di gennaio 2019, dal Comfop nord di Padova, comando territoriale dal quale dipende, del circolo unificato dell'Esercito di Verona, a causa della mancanza di una ditta in grado di erogare beni e servizi previsti per il circolo;

   l'8 agosto 2018 la direzione del circolo, su richiesta verbale del comando di Padova, proponeva di concedere il circolo a una ditta veronese, per il tempo necessario per svolgere una gara pubblica per la concessione triennale in appalto del circolo;

   il 4 settembre 2018 l'amministrazione di Padova ha proceduto a un'aggiudicazione diretta temporanea, per 4 mesi, alla ditta Sorico di Catanzaro, per consentire lo svolgimento di una gara pubblica per la concessione in appalto triennale del circolo a una ditta civile;

   la gara, iniziata il 9 agosto 2018, è ad oggi ancora in itinere. A tale gara partecipava anche la ditta Sorico;

   l'amministrazione di Padova ha aggiudicato alla ditta Sorico, nel 2017, con gara d'appalto pubblica, in concessione triennale, il circolo unificato dell'Esercito di Bologna;

   in data 23 gennaio 2019 la direzione del Circolo di Verona veniva a conoscenza dell'esistenza di precedenti penali relativi al titolare della ditta Sorico, Francesco Falsetta, padre di Cristian Falsetta, amministratore delegato della Sorico e firmatario del contratto per la concessione di 4 mesi del circolo di Verona;

   si apprende inoltre che Francesco Falsetta, insieme al fratello Massimo, nell'aprile 2014 fu arrestato in seguito alla scoperta di un giro di prostituzione legato ai titolari di un'attività di bed and breakfast a Catanzaro, gestita proprio dai fratelli Falsetta;

   i fatti sopra descritti gettano diverse ombre sulla trasparenza che dovrebbe essere alla base dello svolgimento della gara pubblica per la futura concessione in appalto del circolo unificato dell'Esercito di Verona e appare necessario un intervento immediato diretto a verificare l'attuale situazione –:

   se il Ministro interrogato sia a conoscenza di quanto descritto in premessa e quali iniziative di competenza, anche di carattere normativo, intenda porre in essere al fine di garantire massima trasparenza allo svolgimento della gara pubblica per la concessione triennale in appalto del circolo unificato dell'Esercito di Verona, procedendo, soprattutto in considerazione delle circostanze illustrate in premessa e relative ai soggetti titolari della ditta Sorico, alla verifica approfondita dei requisiti, ex articolo 80 del decreto legislativo n. 50 del 2016, al fine di consentire la riapertura in tempi brevi, offrendo ai 900 soci e al pubblico l'opportunità di fruire degli spazi, sede di diverse attività socio-culturali, a loro disposizione.
(5-01742)