• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/01637-AR/1 ...    premesso che:     il provvedimento in esame reca disposizioni in merito all'introduzione della misura del Reddito e della Pensione di cittadinanza, nonché alla disciplina...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/01637-AR/123presentato daROTTA Alessiatesto diMercoledì 20 marzo 2019, seduta n. 145

   La Camera,
   premesso che:
    il provvedimento in esame reca disposizioni in merito all'introduzione della misura del Reddito e della Pensione di cittadinanza, nonché alla disciplina relativa al pensionamento anticipato, attraverso l'introduzione di nuovi istituti (come la cd. Quota 100), la proroga di altri già esistenti (APE sociale e Opzione donna);
    secondo l'ISTAT, in Italia ci sono 1 milione e 778 mila famiglie pari ad oltre 5 milioni individui che vivono in condizioni di povertà assoluta, dato più alto dal 2005 (primo anno di rilevazione della povertà assoluta) in termini sia di famiglie che di singoli individui;
    sempre secondo le stime ISTAT nell'ipotesi di un tasso di utilizzo del provvedimento pari all'85 per cento del totale teorico delle famiglie potenzialmente beneficiare, il RdC potrebbe interessare un milione 308 mila famiglie pari a due milioni e 706 mila individui;
    in particolare i nuclei familiari in cui è presente una persona con disabilità sono trattati in modo meno favorevole di tutti gli altri non solo perché nella scala di equivalenza non viene attribuito nessun valore alla persona con disabilità ma anche perché, al di là delle numerose dichiarazioni governative, non solo non si sono aumentate le pensioni di invalidità ma queste sono entrate nel calcolo della soglia reddituale per percepire il RdC;
    con l'emendamento del Governo approvato durante i lavori in commissione si eleva la soglia di equivalenza massima da 2,1 a 2,2, con un aumento quindi dello 0,1 pari a 50 euro mensili nel caso in cui nella famiglia ci sia una persona disabile e la composizione del nucleo familiare raggiunga la soglia massima di equivalenza (ad esempio famiglie con almeno quattro componenti e con disabile a carico) deludendo così le legittime aspettative delle persone disabili e delle loro famiglie,

impegna il Governo

a valutare gli effetti applicativi delle disposizioni richiamate in premessa, al fine di adottare ulteriori iniziative normative volte ad escludere dal calcolo del reddito familiare ogni trattamento assistenziale, comprese le pensioni di invalidità, per altro già escluse dal computo dell'ISEE, per richiedere il beneficio del reddito di cittadinanza o della pensione di cittadinanza al fine di dare maggiore equità alla misura evitando non solo che i nuclei familiari ove siano presenti persone con disabilità vengano trattate meno favorevolmente ma anche così ogni possibile contenzioso.
9/1637-AR/123. Rotta.