• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/00314 LONARDO, GALLONE, CESARO, DE SIANO, CARBONE - Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare - Premesso che: le Autorità di bacino sono organismi misti...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-00314 presentata da ALESSANDRINA LONARDO
martedì 3 luglio 2018, seduta n.017

LONARDO, GALLONE, CESARO, DE SIANO, CARBONE - Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare - Premesso che:

le Autorità di bacino sono organismi misti Stato-Regioni, operanti sui bacini idrografici, istituite con legge 18 maggio 1989, n. 183, e successive modificazioni e integrazioni;

in base alla citata legge, tutto il territorio nazionale è stato suddiviso in bacini idrografici: bacini di rilievo nazionale, bacini di rilievo interregionale e bacini di rilievo regionale;

i bacini di rilievo nazionale sono: Autorità di bacino dei fiumi Isonzo, Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta - Bacchiglione; Autorità di bacino del fiume Adige; Autorità di bacino distrettuale del fiume Po; Autorità del bacino del fiume Arno; Autorità di bacino del fiume Tevere; Autorità di bacino dei fiumi Liri-Garigliano e Volturno; Autorità di bacino del fiume Serchio;

le autorità sono enti di alto profilo tecnico-scientifico le cui attività riguardano la pianificazione, programmazione, attività di studio e ricerca, progettazione;

le tematiche affrontate sono molteplici, complesse e di notevole rilevanza sociale, ambientale ed economica, come ad esempio la difesa del suolo, la tutela e gestione delle risorse idriche nonché tutte le problematiche legate alle tematiche ambientali;

le attività di pianificazione delle Autorità di bacino (vari piani di gestione previsti dalle direttive comunitarie) sono fondamentali per l'attivazione dei finanziamenti europei in vari settori;

al personale assunto dalle Autorità di bacino di rilievo nazionale è applicato il contratto collettivo nazionale autonomie locali;

a copertura del trattamento economico del personale e degli oneri riflessi sono previsti specifici capitoli (3011, 3012, 3014, 3015) nello stato di previsione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare;

al 31 dicembre 2017, risultavano in servizio complessivamente 195 unità di personale, di cui 63 erano inquadrate nella posizione giuridica C;

il costo annuo per il trattamento economico fondamentale di tutto il personale è di 4.850.000 euro;

il costo annuo per il trattamento economico fondamentale del personale, inquadrato nella posizione giuridica C, è di 1.437.000 euro (circa il 30 per cento del costo complessivo);

nel caso in cui si procedesse ad una progressione di tutto il personale di categoria C, il costo annuo ammonterebbe a 1.483.000 euro per un incremento di spesa massimo prevedibile di circa 46.700 euro,

si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo non ritenga che, per il personale di categoria C, assunto con contratto di lavoro a tempo indeterminato, in servizio al 1° gennaio 2018 nelle segreterie tecniche organizzative delle Autorità di bacino nazionali, confluito poi nelle autorità di bacino distrettuali, sia necessaria una progressione di carriera.

(4-00314)