• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/01177 (5-01177)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-01177presentato daNARDI Martinatesto diMercoledì 9 gennaio 2019, seduta n. 107

   NARDI. — Al Ministro dell'economia e delle finanze. — Per sapere – premesso che:

   la Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara è un soggetto giuridico privato senza fine di lucro, dotato di piena autonomia statutaria e gestionale;

   in virtù della normativa vigente la Fondazione è soggetta al controllo della preposta Autorità di vigilanza presso il Ministero dell'economia e delle finanze;

   lo statuto della Fondazione prevede in molteplici passaggi la necessità di assicurare, in tutti gli organismi collettivi (collegio dei revisori, comitato di indirizzo e consiglio di amministrazione), la «presenza del genere meno rappresentato, rinviando al regolamento le procedure con cui raggiungere tale obiettivo»;

   il regolamento della Fondazione per la procedura e per la composizione degli organi statutari, approvato dal comitato di indirizzo il 20 luglio 2018, prevede che venga assicurata «l'adeguata rappresentatività negli stessi dei due generi, nella misura minima del 30 per cento per ciascuno»;

   sempre il regolamento ribadisce, all'articolo 3, comma 1, che sia il comitato di indirizzo, sia il consiglio di amministrazione, debbano assicurare l'adeguata rappresentatività dei generi nella misura minima del 30 per cento per ciascun organo;

   il regolamento prevede, all'articolo 5, comma 5, che «il comitato di indirizzo, nella sua prima riunione convocata dal Presidente in carica, previa verifica della esistenza dei requisiti, provvede alla convalida delle nomine dei propri componenti, verificando che sia stata rispettata la previsione» dello statuto e disciplinata dal regolamento, concernente la rappresentatività di genere;

   durante alcune sedute del comitato di indirizzo è stata sollevata la necessità di mettere in atto tutte le azioni utili per raggiungere l'effettiva rappresentatività di genere disposta da statuto e regolamento sia proponendo di richiedere ad alcuni enti designanti una nuova proposta (in quanto avevano segnalato terne di rappresentati di uno stesso genere), sia invitando il comitato stesso a scegliere fra le auto-proposte pervenute;

   in data 10 ottobre 2018 si è svolta la riunione del comitato di indirizzo della Fondazione con all'ordine del giorno la nomina del nuovo Comitato;

   nel corso di tale riunione il comitato ha voluto procedere nonostante quanto espresso in premessa, alla votazione dei nuovi componenti. Tale votazione ha portato all'elezione di 11 membri di cui soltanto 3 donne: un risultato che non rispetta palesemente la «misura minima del 30 per cento per ciascun genere»;

   in data 28 dicembre 2018 Elena Emma Cordoni ha inviato, sulla vicenda, un esposto all'Ufficio vigilanza delle Fondazioni bancarie del Ministero dell'economia e delle finanze –:

   se il risultato della votazione del 10 dicembre 2018 relativa al nuovo comitato di indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara sia conforme a quanto disposto e disciplinato dallo statuto e dal regolamento dell'ente stesso e quali iniziative urgenti di competenza intenda conseguentemente assumere qualora venissero evidenziate irregolarità.
(5-01177)