• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/01334-B/221    premesso che:     la disciplina in materia di medicina fiscale e medici fiscali delle liste speciali, è recata all'articolo 5, commi 12 e 13, decreto-legge 13 settembre 1983,...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/01334-B/221presentato daPOLVERINI Renatatesto presentato Sabato 29 dicembre 2018 modificato Domenica 30 dicembre 2018, seduta n. 106

   La Camera,
   premesso che:
    la disciplina in materia di medicina fiscale e medici fiscali delle liste speciali, è recata all'articolo 5, commi 12 e 13, decreto-legge 13 settembre 1983, n. 463, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 1983, n. 638;
    con i successivi decreti ministeriali 18 aprile 1996, 12 ottobre 2000 e 8 maggio 2008, emanati ai sensi del richiamato articolo 5, comma 13 si è proceduto alla riorganizzazione delle liste speciali dei medici fiscali (articolo 5, comma 12) stabilendone i criteri di formazione e reintegrazione delle stesse, delle graduatorie, dei punteggi, di incompatibilità, delle modalità di svolgimento del servizio, dei compensi e rimborsi per i medici fiscali delle liste speciali, dei rimborsi per la gestione del servizio da parte INPS, dei meccanismi di tutela del ruolo di terzietà del medico fiscale di lista a tutela del medico stesso e della salute del lavoratore (commissioni miste);
    per colmare il vuoto normativo e contrastare la perdurante precarietà in cui versano i medici di lista prevista nelle premesse del DM 8 maggio 2008, con l'articolo 4 comma 10-bis, decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101 convertito dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, le liste speciali sono state trasformate in liste speciali ad esaurimento, nelle quali vengono confermati i medici fiscali inseriti nelle suddette liste prima del 31 dicembre 2007. Per tali professionisti è prevista, da parte dell'INPS, l'assegnazione in via prioritaria delle visite di controllo domiciliari ai lavoratori assenti dal servizio per malattia;
    ai sensi degli articoli 18 e 22 del decreto legislativo n. 75 del 2017, di attuazione della legge delega n. 124 del 2015 (cosiddetta «riforma Madia»), è stato istituito il Polo Unico per le visite fiscali, con la previsione dell'impiego dei medici fiscali attualmente adibiti al servizio e con la previsione del prioritario ricorso alle liste speciali ad esaurimento di cui al richiamato articolo 4, comma 10-bis, decreto-legge n. 101 del 2013, per tutte le funzioni di accertamento medico-legali sulle assenze dal servizio per malattia dei dipendenti pubblici, ivi comprese le attività ambulatoriali inerenti alle medesime funzioni;
    i medici fiscali delle liste speciali ad esaurimento adempiono ormai da circa 30 anni e con rilevanti performance, come dimostrano i dati pubblicati da INPS, agli accertamenti medico-legali di controllo sugli assenti dal lavoro per malattia nel settore privato e dal 1o settembre 2017, con l'istituzione del Polo Unico, anche nel settore pubblico, grazie alla propria professionalità ed esperienza maturata negli anni e grazie alle disposizioni della normativa vigente che garantisce un servizio efficiente ed efficace nel rispetto del ruolo di terzietà del medico e della salvaguardia della salute e dei diritti dei lavoratori,

impegna il Governo:

   a individuare tempestivamente le risorse finanziarie necessarie ad avviare un percorso di stabilizzazione dei medici fiscali ricorrendo alle risorse finanziarie previste ai sensi del decreto legislativo n. 75/2017, a quelle previste da INPS nel settore privato nonché alle risorse provenienti dai rimborsi dei datori di lavoro privati;
   a provvedere alla conferma dello status attuale dei medici fiscali delle liste ad esaurimento, garantendo la corretta applicazione della normativa in materia di medicina fiscale e dell'efficacia del servizio e di uso proprio dei fondi pubblici da parte di INPS, scongiurando che le stesse risorse possano essere impiegate, attraverso il ricorso ai medici convenzionati esterni per le visite di invalidità civile, che determinerebbe una riduzione di efficacia del servizio della medicina fiscale ed un incremento della spesa pubblica di indennità di malattia.
9/1334-B/221. Polverini, Paolo Russo, Fassina, Fatuzzo.