• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.9/00981/039 in sede di esame dell'A.S. n. 981, recante Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale 2019-2021, premesso che: i commi 576-582 dispongono in...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/981/39 presentato da BIANCA LAURA GRANATO
sabato 22 dicembre 2018, seduta n. 077

Il Senato,
in sede di esame dell'A.S. n. 981, recante Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale 2019-2021,
premesso che:
i commi 576-582 dispongono in merito al fabbisogno finanziario delle Università, garantendo che detto fabbisogno, da esse complessivamente generato in ciascun anno, non sia superiore al fabbisogno realizzato nell'anno precedente, incrementato del tasso di crescita del prodotto interno lordo (PIL) reale stabilito dall'ultima Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza,
considerato che:
con decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della ricerca 30 ottobre 2015, n. 855, sono stati rideterminati i macrosettori e i settori concorsuali di cui all'articolo 15 della legge 30 dicembre 2010, n. 140, prevedendo, nello specifico, l'elenco di macrosettori e settori concorsuali e delle corrispondenze tra i settori concorsuali e i settori scientifico-disciplinari, nonché le declaratorie dei settori concorsuali e le regole di corrispondenza tra i macrosettori e i settori concorsuali di cui al decreto ministeriale 12 giugno 2012 compresi quelli rideterminati dal medesimo decreto;
l'articolo 2 del decreto disciplina le modalità del reinquadramento dei professori di I e II fascia e dei ricercatori nei nuovi settori concorsuali; l'articolo 3 riguarda, invece, i passaggi da un settore concorsuale a un altro, ovvero da un settore scientifico-disciplinare a un altro;
in particolare l'articolo 3 stabilisce che tali passaggi possano essere disposti solo successivamente ai provvedimenti di reinquadramento e che la richiesta debba essere corredata da quella di passaggio a un settore scientifico-disciplinare che è ricompreso nel settore concorsuale in cui si richiede di essere inquadrati; alla richiesta si provvede con decreto rettorale, previa acquisizione del parere (non vincolante) del Consiglio universitario nazionale (CUN); nel caso di passaggio tra settori concorsuali appartenenti a macrosettori diversi, invece, in ragione della evidente non affinità tra materie, l'accoglimento della richiesta è subordinato al parere obbligatorio e vincolante del CUN;
il 29 maggio 2018, il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della ricerca ha diramato una nota, rivolta a CUN e Università inerente i passaggi di settore scientifico-disciplinare di settore concorsuale e di macrosettore: in particolare, viene richiamata l'attenzione degli Atenei sulla illogicità di richieste di passaggi di professori immessi da poco in ruolo a settori concorsuali diversi da quello in cui essi sono stati assunti, 'aggirando'di fatto l'eventuale esito negativo dell'abilitazione scientifica nazionale da conseguire per il passaggio al ruolo superiore nel settore concorsuale originario (quindi, dalla seconda alla prima fascia). Nella medesima nota, per le richieste di passaggio di settore concorsuale, si richiede di tenere in debito conto "la produzione scientifica dell'interessato oppure il possesso dell'Abilitazione scientifica nazionale nel settore concorsuale in cui il docente chiede di essere inquadrato",
impegna il Governo:
a intervenire, con atti di propria competenza, anche di carattere normativo, al fine di rendere obbligatoria per i passaggi di settore concorsuale appartenenti a macrosettori diversi, l'esigenza di considerare adeguatamente la produzione scientifica del candidato o il possesso dell'abilitazione scientifica nazionale nel settore concorsuale in cui il docente chiede di essere inquadrato.
(numerazione resoconto Senato G1.39)
(9/981/39)
Granato, Montevecchi, Corrado, De Lucia, Floridia, Marilotti, Russo, Vanin, Airola