• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.9/00981/117 in sede di esame del disegno di legge recante "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021", premesso che: i commi da...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/981/117 presentato da ELENA BOTTO
sabato 22 dicembre 2018, seduta n. 077

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge recante "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021",
premesso che:
i commi da 607 a 610 dell'articolo 1 del disegno di legge in esame, relativamente al crollo del "ponte Morandi" di Genova dispongono, tra l'altro l'erogazione di un contributo pari a 80 milioni per ciascuno degli anni 2019 e 2020 in favore degli autotrasportatori, al fine di compensare il settore delle maggiori spese conseguenti al crollo, nonché il finanziamento di 50 milioni per ciascuno degli anni 2019 e 2020 per la Zona franca urbana della Città metropolitana di Genova,
considerato che:
l'articolo 1, comma 1, del decreto legge 28 settembre 2018, n. 109 convertito dalla legge 16 novembre 2018, n. 130, in conseguenza del crollo di un tratto del viadotto Polcevera dell'autostrada A10, nel Comune di Genova, al fine di garantire, in via d'urgenza, le attività per la demolizione, la rimozione, lo smaltimento e il conferimento in discarica dei materiali di risulta, nonché per la progettazione, l'affidamento e la ricostruzione dell'infrastruttura e il ripristino del connesso sistema viario, prevede la nomina, tramite decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di un Commissario straordinario per la ricostruzione;
il successivo comma 6 dell'articolo 1 individua il concessionario del tratto autostradale alla data dell'evento responsabile dell'evento, in quanto responsabile del mantenimento in assoluta sicurezza e funzionalità dell'infrastruttura concessa;
il comma 1-ter del succitato decreto reca misure per la tutela del diritto all'abitazione, prevedendo, al comma 1, che al fine di accelerare le operazioni di ricostruzione dell'infrastruttura crollata a seguito dell'evento, che costituisce opera di pubblica utilità, il Commissario straordinario, può stipulare l'atto di cessione del bene o del diritto reale con i proprietari e con gli usufruttuari delle unità immobiliari oggetto delle ordinanze di sgombero del sindaco della città di Genova,
impegna il Governo:
a valutare l'opportunità di attivarsi affinché il Commissario straordinario per la Città di Genova delimiti la zona di interferenza del cantiere ai fini del riconoscimento di ulteriori indennizzi per le unità immobiliari ivi ubicate, specificando che: a) gli indennizzi spettino ai titolari dei diritti di godimento, purché residenti negli immobili interferiti alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto; b) siano determinati fino ad un massimo di euro 1600 ad abitazione; c) spettino ai residenti degli immobili interferiti alla data di entrata in vigore del provvedimento in esame, per ogni mese di durata dei lavori;
a valutare l'opportunità di adottare ogni opportuna iniziativa volta a prevedere che il concessionario del tratto autostradale versi sulla contabilità speciale del Commissario straordinario le somme necessarie al pagamento degli indennizzi, o, in caso di omesso versamento, prevedere che il Commissario straordinario possa individuare un soggetto pubblico o privato che anticipi le somme necessarie all'integrale pagamento degli indennizzi a fronte della cessione pro solvendo della pertinente quota dei crediti dello stato nei confronti del concessionario alla data dell'evento.
(numerazione resoconto Senato G1.117)
(9/981/117)
Botto