• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/01408/009 9/1408/9. Giacomoni, Martino, Bignami, Baratto, Benigni, Cattaneo, Angelucci.



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/01408/009presentato daGIACOMONI Sestinotesto diGiovedì 13 dicembre 2018, seduta n. 101

   La Camera,

   premesso che:

    il provvedimento in esame reca disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria;

    il 1° gennaio 2019 entrerà vigore l'obbligo della fatturazione elettronica che inciderà in modo rilevante sulla gestione delle attività di un notevolissimo numero di micro, piccole e medie imprese: piccoli operatori e artigiani;

    in relazione all'entrata in vigore del suddetto obbligo non è stata adottata da parte del Governo alcuna vera «politica di accompagnamento» in favore del cittadino, tanto è vero che in relazione al suddetto obbligo vige la più totale disinformazione anche sotto il profilo degli adempimenti connessi che ricadranno sui commercialisti che, come noto, l'onere di istruire adeguatamente i contribuenti;

    si evidenzia, inoltre, che a seguito dell'autorizzazione delle Autorità Comunitarie, il meccanismo della «scissione dei pagamenti» (cosiddetto «split payment»), introdotto nel 2015, è stato prorogato sino a giugno 2020, superando così la data del 31 dicembre 2017, originariamente fissata dalla stessa Unione Europea quale termine ultimo d'applicazione dello strumento;

    inoltre, con due provvedimenti successivi è stato ampliato l'ambito soggettivo d'applicazione del meccanismo, coinvolgendo anche le società a partecipazione pubblica, nonché gli enti pubblici economici e le fondazioni partecipate da pubbliche amministrazioni;

    il più recente dibattito sull'eliminazione di tale adempimento, avviato da alcuni esponenti del Governo nell'ottica di porre in essere una semplificazione degli adempimenti a carico degli operatori economici, ha portato all'esclusione dei soli professionisti dall'ambito operativo del meccanismo con il decreto-legge n. 87 del 2018, convertito con modifiche nella legge n. 96 del 2018;

    di contro, per tutti gli altri soggetti economici che operano con le Pubbliche Amministrazioni l'applicazione dello split payment è stato mantenuto, ancorché, per gli stessi soggetti e nei rapporti con le medesime stazioni appaltanti pubbliche, già vige, oramai dal 2015, la fatturazione elettronica come strumento anche esso deputato alla lotta all'evasione nel comparto dell'IVA;

    in sostanza, dopo quasi 4 anni dall'introduzione della fatturazione elettronica per i soggetti economici che operano con le Pubbliche Amministrazioni, nessuno riesce ancora a capire che l'utilizzo del meccanismo dello split payment è divenuto del tutto superfluo come mezzo di contrasto al sommerso;

    i due sistemi di fatturazione, infatti, dovrebbero operare alternativamente e non congiuntamente come oggi accade per i contratti (e subcontratti) pubblici, nell'ambito dei quali continua, invece, ad operare un'assurda sovrapposizione di strumenti di contrasto all'evasione (fatturazione elettronica, «split payment» e «reverse charge»), che complica la gestione contabile e amministrativa delle commesse ed arreca un danno finanziario particolarmente ingente alle imprese, per effetto del credito IVA che si forma in capo alle stesse, senza incrementare proporzionalmente l'efficacia dei controlli;

    si sottolinea che tutto ciò arreca un grave danno alle imprese, sia sotto il profilo degli adempimenti, sia dal punto di vista economico-finanziario, alla luce del fatto che lo split payment provoca un aumento esponenziale del credito IVA, con tutte le difficoltà di recupero tempestivo dello stesso;

    tale criticità, poi, si aggrava quando i lavori sono realizzati tramite strutture consortili;

    in questi casi, infatti, il credito IVA si forma in capo al Consorzio che, per sua natura, è destinato a sciogliersi ad opera ultimata, per cui il recupero del credito diventa veramente difficoltoso;

    questo comporta, per le imprese, una pesante perdita di liquidità stimata in circa 2,4 miliardi di euro l'anno, mettendo seriamente a rischio l'equilibrio finanziario delle imprese, costrette anche a subire i ritardati pagamenti della pubblica Amministrazione, che drenano ulteriori 8 miliardi di euro di liquidità,

impegna il Governo:

   a valutare l'opportunità di adottare ogni iniziativa, anche normativa volta a prevedere un congruo differimento dell'entrata in vigore delle disposizioni di almeno un anno o comunque una maggiore gradualità nell'introduzione dell'obbligo di fatturazione elettronica, distinguendo tra le imprese in relazione alla loro dimensione e al numero di occupati e prevedendo un adeguato periodo di sperimentazione;

   a valutare l'opportunità di adottare ogni iniziativa, anche normativa volta a dirimere le criticità esposte in premessa con riferimento al sistema delle imprese nei cui confronti l'istituto dello split payment rimane in vigore fino al 30 giugno 2020.
9/1408/9. Giacomoni, Martino, Bignami, Baratto, Benigni, Cattaneo, Angelucci.