• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.9/00886/009 in sede di esame del disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria, premesso che: a...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/886/9 presentato da SALVATORE SCIASCIA
mercoledì 28 novembre 2018, seduta n. 064

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria,
premesso che:
a decorrere dal 9 febbraio 2019, le farmacie pubbliche e private saranno obbligate a verificare l'autenticità di tutti i farmaci soggetti a prescrizione medica da esse dispensati;
tale data non è tassativa, in quanto l'Italia può godere di ulteriori 6 anni di deroga per l'applicazione della normativa europea sulla verifica dell'autenticità dei farmaci;
tale obbligo di legge porterà le farmacie a doversi dotare di apparecchiature informatiche, munite di un lettore di codice a barre bidimensionale (Data Matrix) e del relativo software gestionale;
si stima che le circa 19.000 farmacie pubbliche e private italiane dovranno dotarsi di circa 55.000 scanner a lettura ottica bidimensionale con conseguente aggiornamento degli applicativi gestionali (software) e che tale dotazione risulta obbligatoria, in quanto, attualmente, la lettura del codice a barre posto sulle fustelle dei farmaci avviene esclusivamente in modalità unidimensionale (linear barcode);
inoltre, considerato che:
dal 1º gennaio 2019, ai sensi del nuovo articolo 118, comma 1-bis, del decreto legislativo 6 aprile 2006, n. 193, sarà obbligatorio l'utilizzo della ricetta elettronica veterinaria che prevede, per le farmacie, l'imputazione, all'interno della ricetta, del lotto e della data di scadenza già oggi automaticamente leggibili grazie al codice data matrix presente su tutte le confezioni di farmaci veterinari in commercio,
impegna il Governo:
a valutare la possibilità di riconoscere alle farmacie un'agevolazione di carattere fiscale, consistente in un credito d'imposta sui redditi nella misura del 50 per cento e, in ogni caso, non superiore all'importo di euro 500,00 al fine di favorire la diffusione di attrezzature, la cui adozione è obbligatoria per ottemperare alle predette disposizioni di legge.
(numerazione resoconto Senato G17.1)
(9/886/9)
Sciascia, Caliendo, Conzatti, Perosino, Rossi