• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/00606 (5-00606)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-00606presentato daPALLINI Mariatesto diMercoledì 3 ottobre 2018, seduta n. 55

   PALLINI, PERCONTI, DE LORENZO, GIANNONE, TRIPIEDI, TUCCI, INVIDIA, BILOTTI, COSTANZO, VIZZINI, AMITRANO, VILLANI, SIRAGUSA, SEGNERI, CUBEDDU e DAVIDE AIELLO. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro dello sviluppo economico. — Per sapere – premesso che:

   dal 2008 lo stabilimento di assemblaggio motori di Fiat Chrysler Automobiles (Fca) di Pratola Serra (Avellino) sta attraversando una grave crisi produttiva che restituisce i seguenti dati allarmanti: 1.400 giornate tra Cassa integrazione guadagni ordinaria, Cassa integrazione guadagni straordinaria e Contratti di solidarietà per ogni lavoratore, con una perdita salariale che ha raggiunto la ragguardevole cifra di 50.000 euro di media pro capite; ad oggi, tra addetti alle aziende terziarizzate e Fca si contano circa 400 posti di lavoro in meno; gli impianti continuano a essere sottoutilizzati;

   quella della Fca (ex Fma) rientra nella generale crisi di mercato che sta riguardando il motore diesel, motore che rappresenta il 99,5 per cento di produzione dello stabilimento di Pratola Serra e che, a partire dal gennaio 2022, non sarà più prodotto senza, al momento, sapere da cosa sarà sostituito;

   a parere degli interroganti e in virtù delle preoccupazioni espresse dalle maestranze e dai sindacati di categoria, è necessario avviare una profonda e seria riflessione tra tutti gli attori coinvolti, al fine di costruire un progetto industriale lungimirante di riconversione produttiva verso i sistemi di propulsione alternativi, in grado di valorizzare le competenze e le economie di sistema per il rilancio della produzione, la garanzia dell'occupazione e la tutela delle condizioni lavorative dello stabilimento Fca, presso cui la forza lavoro è giovane – media di 43 anni – con una prospettiva media di vita lavorativa di altri 20-25 anni, con una professionalità tale da garantire adattabilità a produzioni di qualità e ai livelli di produttività finora assicurati –:

   se il Governo sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa e quali iniziative, per quanto di competenza, intenda valutare di porre in essere al fine di garantire un futuro produttivo, attraverso un solido piano di riconversione industriale, allo stabilimento di Pratola Serra e la tutela dei livelli occupazionali.
(5-00606)