• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/00506 ASTORRE, ZANDA, CIRINNA', PARENTE - Ai Ministri delle infrastrutture e dei trasporti e dell'economia e delle finanze - Premesso che: a seguito dei drammatici fatti di Genova,...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-00506 presentata da BRUNO ASTORRE
martedì 11 settembre 2018, seduta n.034

ASTORRE, ZANDA, CIRINNA', PARENTE - Ai Ministri delle infrastrutture e dei trasporti e dell'economia e delle finanze - Premesso che:

a seguito dei drammatici fatti di Genova, caratterizzati dal crollo, il 14 agosto 2018, del ponte Morandi che ha causato la morte di 43 persone, il Governo ha annunciato la revisione di tutte le concessioni, oltre all'avvio dell'iter per la revoca di quella ad Autostrade per l'Italia, gruppo Atlantia, concessionaria del tratto autostradale A10, comprensivo del suddetto ponte Morandi;

da alcune indiscrezioni di stampa sembrerebbe emersa l'ipotesi da parte del Governo di introdurre un pedaggio riguardante l'entrata e l'uscita dal grande raccordo anulare di Roma e il tratto autostradale A91 che collega Roma a Fiumicino;

se mai corrispondesse al vero, questa ipotesi si concretizzerebbe in un ulteriore e ingiusto balzello, soprattutto per quei 4 milioni di utenti residenti nell'area metropolitana che per ragioni di lavoro o di studio si recano quotidianamente a Roma, oltre a pregiudicare la competitività dell'aeroporto "Leonardo Da Vinci" di Fiumicino, ed a rappresentare un unicum nel panorama europeo. Infatti, nessuna capitale europea dotata di un anello stradale prevede il pagamento di un pedaggio;

considerato che una simile proposta molte volte è stata tirata in ballo negli ultimi anni. Nel 2010 il Governo di centrodestra aveva prefigurato "maggiorazione tariffaria forfettaria" (un euro per macchine e moto e 2 per camion),

si chiede di sapere:

se le notizie relative all'introduzione di un sistema di pagamento nei tratti autostradali descritti corrispondano al vero;

se i Ministri in indirizzo intendano esprimere una posizione chiara e definitiva in merito.

(4-00506)