• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/00313 (5-00313)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-00313presentato daCASCIELLO Luigitesto diMercoledì 1 agosto 2018, seduta n. 36

   CASCIELLO, APREA, MARIN, MARROCCO, PALMIERI e SACCANI JOTTI. — Al Ministro per i beni e le attività culturali. — Per sapere – premesso che:

   il sito archeologico di Elea-Velia ha uno straordinario valore archeologico, paesaggistico e culturale, ed è noto anche per essere stato culla della Scuola eleatica di Parmenide;

   l'area archeologica di Velia, il parco archeologico di Paestum e la certosa di Padula fanno parte di un più esteso sito denominato «Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano» e sono iscritti nella lista del patrimonio mondiale Unesco dal 1998;

   con il decreto del 7 febbraio 2018, il Ministero dei beni e delle attività culturali ha assegnato il sito archeologico di Elea — Velia alla gestione del polo museale regionale di Napoli che non ha nessun legame con il territorio;

   il parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, con deliberazione del consiglio nazionale n. 23 del 2016, e il comune di Ascea, con deliberazione consiliare n. 3/2017, avevano richiesto al Ministero per i beni e le attività culturali di adottare ogni provvedimento di propria competenza affinché il sito di Elea — Velia ed il sito della Certosa di Padula venissero equiparati, da un punto di vista gestionale ed organizzativo, al parco <archeologico di Paestum, prevedendo una gestione integrata ed unitaria dei tre siti;

   alle numerose iniziative delle forze politiche locali e regionali e alle interrogazioni parlamentari in merito, il Ministro aveva dato risposte confortanti e possibiliste, in quanto una gestione organica dei tre siti avrebbe permesso di ottimizzare le risorse e al contempo di estendere le attività di promozione e valorizzazione a un contesto paesaggistico e culturale più ampio;

   il passaggio di competenza al Polo di Napoli ha, dunque, rappresentato una brutta e inattesa notizia per quanti speravano in un rilancio dell'area da perseguire con interventi di valorizzazione e promozione;

   dall'accorpamento al parco nazionale del Cilento, i siti di Velia e della certosa di Padula avrebbero tratto sicuro beneficio, laddove invece le soluzioni adottate esporranno ad ulteriore isolamento entrambi, anche in considerazione della posizione geografica e delle carenze infrastrutturali relative ai non agevoli collegamenti viari –:

   se e come intenda intervenire al fine di rivedere le decisioni prese e di assumere iniziative finalizzate all'accorpamento dell'area archeologica di Velia e della Certosa di Padula all'autonomia amministrativa e gestionale del parco archeologico di Paestum, assicurando così una gestione unica e sinergica dei tre siti.
(5-00313)