• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/00540 (4-00540)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-00540presentato daBENDINELLI Davidetesto diMartedì 26 giugno 2018, seduta n. 19

   BENDINELLI, BOND, BARATTO e CORTELAZZO. — Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare. — Per sapere – premesso che:

   nei comuni di Lazise e Torri del Benaco si sono verificate nei giorni scorsi delle lagheggiate a causa dell'alto livello delle acque del lago di Garda;

   questo è accaduto nonostante l'accordo su gestione livelli acque del Garda stipulato in data 3 settembre 2013, preveda un livello idrometrico di 125 centimetri nel periodo febbraio-maggio. L'accordo è stato stipulato tra i rappresentanti delle regioni Lombardia e Veneto, le provincie di Verona, Trento, Brescia, Mantova, il comune di Peschiera del Garda e i consorzi pubblici di Garda Uno Bs, Depurazioni Benacensi, Azienda Gardesana Servizi VR, Consorzio del Mincio Mn e la Comunità del Garda unitamente all'autorità di bacino e all'Agenzia interregionale per il fiume Po (Aipo) lombarda;

   purtroppo, ancora in questi giorni il livello è superiore ai 131 centimetri. Sono noti i gravi rischi che determina un livello elevato, in primo luogo, nei confronti del collettore che, per la pressione delle acque su talune condutture obsolete, genera l'infiltrazione di acque parassite e la conseguente fuoriuscita di acque scure che inquinano il lago;

   a questo pregiudizio rilevante si aggiungono la scomparsa per molti comuni, delle spiagge e il rischio di danni rilevanti ai pontili e l'allagamento di parte dei comuni che si è determinato a causa delle lagheggiate;

   se si considera il danno ambientale e l'importanza dell'economia turistica di un territorio che registra la presenza di oltre 25 milioni di turisti italiani ed internazionali, non si comprende l'atteggiamento burocratico dell'Aipo nel non attuare, anche a livello sperimentale, il citato accordo, votato tra l'altro all'unanimità –:

   quali iniziative, per quanto di competenza, i Ministri interrogati intendano assumere in proposito al fine di impedire che si ripeta la situazione esposta in premessa e favorire, anche per il tramite dell'autorità di bacino, l'applicazione di quanto stabilito con l'accordo sulla gestione dei livelli delle acque del Garda.
(4-00540)