• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/00441 (4-00441)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-00441presentato daGRIBAUDO Chiaratesto diMercoledì 13 giugno 2018, seduta n. 14

   GRIBAUDO. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro dello sviluppo economico. — Per sapere – premesso che:

   il fenomeno «Workers Buy Out» (Wbo) è uno strumento cooperativo consistente nell'acquisizione (della maggioranza o del la totalità) del capitale sociale di un'impresa, generalmente in crisi, da parte dei propri dipendenti, siano essi dirigenti, impiegati, operai, usando come forma giuridica la società cooperativa, quale forma di risposta alle crisi aziendali ed occupazionali;

   in Italia, le prime operazioni di Wbo sono comparse nei primi anni ’80 come risposta all'aumento della disoccupazione causata dai ridimensionamenti, dalle ristrutturazioni e dalle chiusure di imprese soprattutto manifatturiere, trovando impulso anche a seguito dell'emanazione della legge 27 febbraio 1985, n. 49 (cosiddetta legge Marcora), la quale, negli anni di operatività (1990-1999 e 2008-2014), ha determinato tasso di formazione di Wbo superiore alla media delle imprese manifatturiere sia italiane che degli altri Paesi Ocse, con un tasso medio di apertura del 6,9 per cento e un tasso medio di chiusura del 4,6 per cento;

   le cooperative recuperate non rappresentano solo una soluzione temporanea per salvare l'impiego dei lavoratori, ma possono costituire uno strumento a medio termine per la salvaguardia dell'occupazione e per il miglioramento dei livelli di partecipazione attiva della comunità;

   l'articolo 11, comma 2, del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, ha sancito il diritto di prelazione, in capo alle società cooperative costituite da lavoratori dipendenti delle imprese sottoposte a fallimento, concordato preventivo o amministrazione straordinaria, nel caso di affitto o vendita di aziende, rami d'azienda o complessi di beni e contratti di proprietà delle suddette imprese;

   al comma 3, il medesimo articolo, stabilisce inoltre che l'atto di aggiudicazione dell'affitto o della vendita a tali società cooperative costituisce titolo ai fini della corresponsione anticipata dell'indennità nel caso in cui le società siano costituite da lavoratori in mobilità che ne abbiano fatto richiesta ai sensi dell'articolo 7, comma 5, della legge 23 luglio 1991, n. 223, nonché delle mensilità non ancora percepite dell'assicurazione sociale per l'impiego introdotta dalla legge 28 giugno 2012, n. 92; tuttavia, si deve rilevare una incomprensibile diversità di valutazione fiscale operata da alcune sedi provinciali Inps, le quali riconoscono detti importi al netto delle ritenute fiscali, nonostante tali redditi siano da considerarsi esenti per la parte reinvestita nella costituzione di società cooperative;

   il fondo istituito dal Ministero dello sviluppo economico con il decreto ministeriale del 4 dicembre 2014 ha previsto la possibilità che le società finanziarie concedano finanziamenti a tasso agevolato per la durata massima di dieci anni, per favorire la nascita e lo sviluppo di società cooperative promosse e costituite da lavoratori provenienti da aziende in crisi e di cooperative sociali, nonché lo sviluppo e il consolidamento di società ubicate nelle regioni del Mezzogiorno. Il 17 luglio 2015, con la firma della convenzione tra società finanziarie e Ministero dello sviluppo economico, è divenuta pienamente operativa, l'attività di gestione del fondo agevolato di circa 10 milioni di euro;

   oltre che un efficace strumento di gestione delle crisi aziendali, in diversi casi il Wbo può costituire la soluzione per il rinnovo del tessuto produttivo del Paese, soprattutto per le piccole e medie imprese, superando i rischi legati al ricambio generazionale della proprietà e così favorendo la continuità aziendale e la tutela delle professionalità delle maestranze –:

   quale sia stato dal 2015 ad oggi l'utilizzo del fondo di cui al decreto ministeriale del 4 dicembre 2014 e quante siano le iniziative di cooperazione che, negli ultimi tre anni, hanno dato luogo al recupero di attività aziendali in crisi;

   quali iniziative si intendano adottare per favorire la salvaguardia dei livelli occupazionali e del patrimonio produttivo del Paese attraverso la promozione di esperienze cooperative di Workers Buy Out.
(4-00441)